Amore senza Rimorso

“We’ve been able to explain certain things today,
but there’s one thing we can’t explain:
it’s the peace and the joy that comes from chastity”

È così che Jason Evert conclude una delle sue conferenze nelle scuole americane, dicendo che pur avendo spiegato alcune cose, c’è qualcosa che non si può spiegare: è la pace, la gioia che deriva dalla castità. 

Jason e Crystallina, che sono adesso marito e moglie, girano il mondo, in particolare gli USA per parlare ai giovani di castità e delle loro passate esperienze sessuali.  

Dopo una simpatica introduzione , Jason decide di condividere con noi dei momenti passati con una ragazza; mentre facevano alcune cose (che non specifica, ma lascia intendere) si chiede se veramente ama quella ragazza e se valga la pena di perdere la sua verginità per lei. Ma ci dice, “Potevo sentire nel profondo del mio cuore una voce che mi diceva : ‹‹Jason, questo dono non è per lei, è per la tua sposa. Per favore, aspetta per lei.››”. 

Quello che traspare e che più mi colpisce di queste e delle seguenti parole di Jason e Crystallina è la dimensione dono. Mi viene da paragonare questo dono ad una Ferrari. Penso che se avessi una Ferrari non la presterei alla prima persona che incontro per strada; probabilmente non la presterei affatto. E se dovessi regalarla, allora, dovrei riflettere bene prima di farlo.  

In fondo, succede lo stesso per tante cose. È un modo conscio e inconscio che abbiamo per dare valore alle cose. Questo accade persino a livello di mercato. Un gioiello, un’autovettura prodotti in esclusiva hanno un valore diverso da quello che avrebbero se fossero prodotti in serie. Lo vediamo anche al livello delle nostre relazioni. Se una persona ci confida un segreto e ci dice di averlo detto solo a noi, questo ci fa sentire importanti. 

Inoltre non bisogna tralasciare quelle che sono le implicazioni sia psicologiche che simboliche di un rapporto sessuale. A tale scopo Jason cita il film “Vanilla Sky” con Tom Cruise che dopo essere stato a letto con una ragazza si sente dire che il suo corpo fa promesse, anche se lui non le fa. Perché in quei momenti io ti dico mi dono completamente a te, ti faccio una promessa.

Passiamo adesso a Crystallina, che esordisce dicendo di parlare da un punto di vista completamente diverso da quello di Jason, avendo perso la verginità a 15 anni, iniziando a condurre una vita disordinata, ubriacandosi spesso, cambiando frequentemente “partner” etc. 

“Feste, bere, gruppi, non me ne perdevo una: tutto questo era molto attraente. Ma so anche com’è svegliarsi il giorno dopo, finita la festa, tutta sola, senza amici. Mi svegliavo e dicevo : non posso credere a quello che ho fatto stanotte…mi svegliavo odiando me stessa, piena di schifo e rimorso. In fondo al mio cuore sapevo che non ne valeva la pena.”

Possiamo intuire che in seguito abbia deciso di cambiare vita. Crystallina vuole dare speranza anche a chi crede che non sia più possibile ricominciare. Per questo racconta di una ragazza che dopo un loro incontro le dice di essere andata a letto con con 15 ragazzi negli ultimi 3 mesi. Spiega di sentirsi amata e voluta in quei momenti, anche sapendo che è tutta una finzione. 

Crystallina ci dice che se è troppo tardi per quella ragazza, allora è troppo tardi per lei, ma non è mai troppo tardi per nessuno per ricominciare.

“If it is too late for her to start over,
then it is too late for me to start over,
and frankly it is never too late for anyone to start over.”

Paolo Schirru